Feeds:
Posts
Comments

Archive for the ‘Real world’ Category

This slideshow requires JavaScript.

Read Full Post »

C’è stato un periodo in cui si tendeva a prendere per i fondelli EXPO 2015, ogni volta che ci passavano davanti o gli articoli che descrivevano le iniziative ad esso legate, o le pubblicità in giro per la metropolitana o sui giornali, bollando il tutto con frasi del tipo “tanto non verrà mai realizzato”, “chissà quanto verrà a costare”, “un Paese come il nostro non si merita questo tipo di eventi perchè non è in grado di valorizzarli” etc.

Il tutto è stato incentivato dal festival di scandali che EXPO ha prodotto in questi anni, e dalla quantità di persone che ci hanno mangiato alla grande, essenzialmente con i soldi pubblici.

Eppure, da un anno a questa parte ho conosciuto diversi colleghi che hanno lavorato e lavorano per EXPO, su progetti diversi e con diverse responsabilità; colleghi come me, quindi assegnisti al Poli, una delle categorie direi meno privilegiate di sempre, all’interno di un sistema universitario come il nostro, con tutti i suoi problemi.

Ed ho smesso di prendere per il c**o EXPO, perchè mi sembra francamente di mancare di rispetto a chi per EXPO ci lavora veramente, a chi non ha mai visto un centesimo in più (se non il suo normale stipendio), e quindi a chi merita di vedere EXPO avere un minimo di successo e non merita di vederlo fallire, seppellito da tutte le maledizioni e sfortune che la gente comune, che vede solo chi ha rubato dei soldi, non esita a lanciargli, specie nei social media.

… sentiamoci liberi invece di continuare a maledire chi i soldi li ha rubati veramente 🙂

Read Full Post »

Ricordi di Uri

divano

  • si addormentava quando suonavo la chitarra (naturalmente gli servivano 10 minuti buoni prima per decidere che l’oggetto “chitarra” non era una minaccia)
  • l’energia che aveva a fine giornata, dopo aver passeggiato per ore, la prima volta che siamo andati in montagna, quando aveva ancora voglia di correre su e giù per il prato dietro casa inseguendo una palla
  • la sensazione che avevi quando sentivi al tatto il cuore saltargli letteralmente fuori dal petto, mentre guardava la mamma rientrare a casa
  • l’acutezza dei sensi: era in grado di sentire un oggetto estraneo in casa a 3 camere di distanza, appena metteva zampa nell’appartamento; sono convinto che in alcuni casi sapesse che la mamma stava arrivando, o che il papà stava portando a casa il pane, quando la loro macchina era ancora dall’altra parte della piazza
  • quando lo sgridavi, si metteva tutto pentito nella cuccia, ma bastava uno sguardo perchè si sentisse perdonato e tornasse di corsa
  • a volte bastava un tuo sguardo per fargli capire che la mamma stava rincasando 🙂
  • la zampina che metteva sopra il bracciolo della sua poltrona per farti capire che fino a quel momento aveva scherzato, ma ora pretendeva delle coccole
  • come abbia miracolosamente sempre evitato di schiantarsi contro il muro del pianerottolo quando scendeva le scale di corsa
  • quando si metteva a correre d’improvviso sul marmo e per il primo paio di secondi scivolava e “sgommava” sul posto
  • come si faceva piccolo piccolo (per quanto possibile) se si sentiva incompreso
  • la corsa furtiva, quatto quatto, dallo studio al salotto quando riusciva a rubare della carta dal cestino

Read Full Post »

Uragano (2001 – 2014)

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

 

A dog doesn’t care if you are rich or poor, clever or dull, smart or dumb. Give him your heart and he’ll give you his. How many people can you say that about?

Read Full Post »

Intel Edison

Intel Edison

As some of you that follows me on Twitter may already know, I was at MakerFaireRome a few weeks back, and I couldn’t resist to buy the new Intel Edison board, the follow-up of Intel Galileo. Now, the board promises to be a lot of fun: it has a dual core Atom CPU (!), plus an Intel Quark microcontroller, 1 GB of RAM, 4 GB of disk, WiFi and Bluetooth: basically, everything in a really small form factor. There are some interesting things that I would really like to try, for example SparkFun sells a LiPo battery, and I am really curious how long it could last while powering up all the good stuff that I cited above, but that’s not the main topic for this post.

What I really wanted to try actually is the Intel XDK: for some reason, Intel decided to develop its own SDK for mobile applications, that uses open source frameworks such as Apache Cordova (that I didn’t know about, and which I am quite curious about now!) to allow developers to create their applications using HTML5, CSS and JavaScript and deploy them on all the OSes (Android, iOS, Windows Phone). At some point they also decided to extend their SDK to support their IoT efforts (XDK IoT Edition), and that’s what I was finally able to try yesterday: attach some hardware, deploy an app on the Edison and its companion app on Android, and see how the two of them react together (of course, you can develop apps for the Edison using the Android IDE, but there are more powerful ways to do that…).

The hardware

Edison and a couple of sensors and actuators

Edison and a couple of sensors and actuators

I have to admit that I put together a very simple experiment very quickly, so nothing fancy here: I dug up a proto shield for Arduino that I prepared some time ago, with just a couple of LEDs and a couple of buttons, and I put them together on the Intel Edison and Arduino breakout board, which is basically a board that exposes some USB ports, a slot for the Edison itself, and a set of headers to connect Arduino shields.

The thing that took more time was updating the Edison firmware: it is as simple as download the files from the Intel Website and put them in a partition that appears when you connect the board to a computer, except for the fact that noone tells you that the partition should be formatted in FAT32 before doing that (by default it is FAT): if you don’t, when you connect to the board through the serial port and execute the update, Linux is not able to read the files and fails (by the way, they use Yocto, of course!).

XDK, IoT Edition

XDK IoT

XDK IoT

Anyway, once done that, I fired up the XDK: what Intel did was put together a C/C++ library that supports the usual hardware protocols (digital and analog I/O, SPI, PWM…), and they made a wrapper in Python and one in JavaScript, and this one is the one that the IDE uses: basically, you write an app using Node.JS, using any of the Node.JS libraries plus the one interfacing with the hardware, and then the IDE builds up the dependencies (whenever they need to be built) and packages them on the board. It supports deployment, start and stop from the IDE, and remote debugging (“remote” because the computer and the Edison communicate through a LAN, not through serial).

Now, I am quite new to Node.JS (i.e., it was the first time that I used it, since it is known that I consider JavaScript to be one of the worst languages ever), so what I did was take an existing template and play with it: the code that you see up there simply reads the status of the two buttons and updates the two LEDs according to which button is pressed (a standalone application, if you wish, that you can write as easily with the Arduino IDE). The “new” part is that it also fires up a Web server and creates a Websocket that periodically publishes the status of the buttons to whoever is connected to it. Starting the app, thus, means starting the standalone job and the Web server, that waits for anyone to connect to it.

The standalone part of the application was working (I did not make a video: it is too stupid as code to be worth it 🙂 ): it was time to find out how the smartphone counterpart works.

XDK, the smartphone counterpart

XDK smartphone

XDK smartphone

I started another existing template for smartphones, that was designed as a counterpart for another IoT template: basically, it shows a big grey circle and a text field, and it connects to the server that you specify on bootup, listening to the Websocket and updating the circle color and the text field whenever an update message arrives. The code is quite simple, and I made almost no modifications to the template: I maintained the same graphical layout and simply changed the message content that it receives from the Websocket (according to what I developed previously for the IoT app).

Bootup in the emulator

Bootup in the emulator

The editor part of the SDK is basically the same between the IoT and the smartphone parts: you are editing JavaScript in both cases. The smartphone part has several more tabs apart from the editor: first of all, the emulator. I am not sure but I think it uses the Intel virtualized capabilities of the hardware if available, or maybe it is only an emulator with HTML5 support: it was really fast to bootup (I am not sure because I was using it on Windows*, and I have no idea whether the virtualized capabilities are automatically started. I have not read much of the documentation for the XDK yet…); once started, it allows you to execute and debug an application, and see it using different graphical dispositions (the one in the screenshot is Nexus 4, but you have some Apple models and some Windows ones, plus others).

The IDE allows you to upload the app to the cloud and test it somehow: this is something I have to tried yet, so I cannot tell you much about it. If you don’t what to follow that route, you can simply test it on your devices: you need to install an Intel companion app that handles the communication with the XDK, and after that you can launch the execution on the device.

The app waiting for something to happen...

The app waiting for something to happen…

... something happened!

… something happened!

These are two screenshots that I took on my Nexus 5: the messages assume that someone is “knocking” by pressing the buttons on the shield connected to the Edison board. So it works! 🙂

Get the apk

Get the apk

Finally, you can build the APK: the XDK produces an ARM and an Intel version of the app, and you can download them and install them wherever you please, or put the in the various online markets. Of course, you can get the equivalents for iOS and Windows Phone (I have not tried, since I have no devices to try them).

Conclusions

All in all, the XDK is quite nice: it allows you to develop apps for IoT and smartphones using the same IDE, which for me is a very big plus. I found out the IDE to be a little unstable when moving from one app to the other, but then I installed an update and now it may be more stable (I found out about the update when I already finished my tests, so I have not tried it yet). I really need to explore more the Node.JS libraries on the IoT side and the JavaScript client libraries on the smartphone side (the XDK presents you with libraries for Facebook, Dropbox, Flickr, iTunes and much more, but I have no idea what they do or how they work), and also the Cordova API, that should allow the Web code to interact with the sensors inside the smartphone.

I have to say that I am quite interested in the idea of developing apps for all the smartphone OSes in one shot (yeah, I know is not a new idea…): as of today, I have only written native Android code, and I want to see what you can do using the HTML5 + JavaScript pair…

Read Full Post »

Più o meno un anno fa, guardando lo stato dei pickup della mia Fender Stratocaster, ho visto tracce di ruggine, ed ho quindi fatto un po’ di ricerche per sostituirli. Poi, tra una cosa e l’altra, ho rimandato l’acquisto fino a un paio di settimane fa, quando ho finalmente deciso cosa comprare e che modifiche fare, ed il post qui descrive la nuova configurazione montata ieri.

La lista della spesa è piuttosto semplice:

  • un set di pickup Fender Vintage ’57-’62: il mio sito di fiducia (Thomann.com) aveva anche altri modelli, ma alla fine ho optato per questo set, che ha un suono abbastanza caldo e che in generale preferisco a fronte di altri modelli. Ho poi optato per un set della Fender per andare “sul sicuro”
  • un pickup Seymour Duncan SJBJ in posizione bridge: facendo un po’ di ricerche sui pickup, ho scoperto che esistono modelli humbucking a singolo slot, adatti quindi ad una chitarra che normalmente ha single coil; sulle Fender tipicamente le due configurazioni che vanno per la maggiore sono HSS o HSH, ovvero l’humbucking o solo al ponte o sia al ponte che al manico (esistono eccezioni, ad esempio Dave Murray degli Iron Maiden ha una configurazione HHH). Ora, a me il suono del single coil al manico mi piace veramente molto, e non lo sostituirei mai; al ponte, invece, l’idea di avere un pickup che dia un po’ più di spinta sulle parti distorte non mi dispiaceva affatto, e comunque un test ci poteva stare.
  • un selettore a 3 vie: dato che stavo mettendo le mani nella configurazione, due modifiche importanti: la prima era non collegare del tutto il pickup centrale: non lo uso mai, tanto che la sua manopola del tono è sempre stata tenuta a zero, ed io personalmente salto sempre direttamente tra neck e bridge (vorrei dire “come Ritchie Blackmore”, ma non vorrei pensaste io sia anche solo vagamente vicino a quel livello: tutt’altro!). Non solo: nei brani con parti ad accordi pieni (tipicamente senza effetti), mi capita di fare ampi gesti con la mano destra e colpire accidentalmente il selettore, spostandolo dalla posizione neck ad una di quelle intermedie, introducendo per sbaglio il pickup centrale e cambiando completamente il suono. Ora, sarà colpa mia perchè forse dovrei fare gesti più piccoli, ma la questione rimane. Da qui la modifica: scollegato il pickup centrale, e sostituito il selettore a 5 vie con uno a 3: la via centrale l’ho cortocircuitata a quella in posizione “neck”, così che anche un eventuale colpo al selettore lo sposterebbe dalla posizione 1 alla posizione 2, ma il suono non sarebbe in alcun modo cambiato. La posizione 3, naturalmente, resta per il pickup al ponte. Ho anche pensato per un po’ di collegare la manopola del tono rimasta “vuota” al pickup del ponte, ma alla fine non l’ho fatto.
  • un po’ di nuove molle per il tremolo: quelle vecchie cigolavano… -_-

Ieri ho quindi aperto la Fender, scollegato i vecchi pickup e collegato quelli nuovi, cambiando anche il selettore: un buon lavoro di saldatura, e per fortuna tutto funziona perfettamente 🙂

Foto

Un po’ di foto: i vecchi pickup con i loro collegamenti, i nuovi pickup con i loro collegamenti, due appunti su come erano e come sarebbero diventati i collegamenti elettrici (onde evitare casini).

Old pickups

Old pickups

Old pickups wiring

Old pickups wiring

New pickups wiring

New pickups wiring

New pickups

New pickups

Old wiring schematics

Old wiring schematics

New wiring schematics

New wiring schematics

Il suono

Ho fatto un paio di registrazioni rapide per mostare il suono; non ho una registrazione recente dello stato delle cose prima del cambio di pickup, quindi non ho un confronto immediato. Tutte le registrazioni sono state fatte collegando la chitarra al computer e registrando su Ableton Live 8, utilizzando Amplitube 3 per emulare le testate degli amplificatori.

La prima registrazione è una semplice improvvisazione con overdrive: più o meno a metà dell’assolo si sente il pickup al manico, mentre nel resto dell’assolo e nell’accompagnamento uso l’humbucking. La testata (emulata) è un Fender Super-Sonic, cui aggiungo il buon SD1 della Boss per l’assolo.

La seconda registrazione è il solito tema di “The rock”, qui usato per testare la distorsione: il primo assolo e l’accompagnamento usando l’humbucking, mentre il secondo assolo usa il pickup al manico. La testata (emulata) è un Fender Metalhead, cui aggiungo il DS1 della Boss, e nel primo assolo sia il Wah della Dunlop (solo per accentuare il feedback) e l’RV5 (per dare ancora più reverbero).

Una nota: il mixing potrebbe non essere eccezionale, era la prima volta che usavo Ableton (più o meno costretto, diciamo…).

Read Full Post »

Aggiorno il mio scaffale d’oro (i 10 libri che metterei in un’ipotetica libreria d’oro): ci sono romanzi che non posso credere di aver dimenticato la volta precedente…

  • “Il signore degli anelli”, J.R.R. Tolkien
  • “Addio alle armi”, E. Hemingway
  • “Jack Frusciante è uscito dal gruppo”, E. Brizzi
  • “Dracula”, B. Stoker
  • “L’ultimo dei Mohicani”, J.F. Cooper
  • “Due di due”, A. De Carlo
  • “Guida galattica per autostoppisti”, D. Adams
  • “Il cacciatore di aquiloni”, Khaled Hosseini
  • “L’ombra dello scorpione”, Stephen King
  • “Il conte di Montecristo”, A. Dumas

Read Full Post »

« Newer Posts - Older Posts »