Feeds:
Posts
Comments

Posts Tagged ‘esami’

Una prestazione maiuscola della squadra ha permesso a Siv di passare il turno, seppur negli ultimi minuti, della Laurea Magistrale e di avviarsi verso il Dottorato di Ricerca; partita in generale bella, con gli ospiti subito in vantaggio, che una grande reazione dei padroni di casa ha reso tuttavia inutile. Ma andiamo con ordine.

Siv si presenta all’incontro dopo una lunga preparazione, durata l’interno mese precedente, ma forse proprio l’eccessiva pressione dell’impegno fa sì che nei primi minuti sia un po’ sulle gambe, e la squadra avversaria non resta a guardare e colpisce a freddo, andando sullo 0 – 1 per gli ospiti. Siv tuttavia non si lascia sorprendere e sfodera una buona reazione allo svantaggio, riuscendo ad andare negli spogliatoi sul pari dopo una rocambolesca azione da gol.

Nella ripresa, nessun cambio nelle due formazioni, tuttavia Sessione d’esami appare un po’ distratta, forse a causa del pareggio subìto immediatamente prima del riposo, e si fa colpire due volte, con Siv che si porta quindi sul 3 – 1, in entrambe le occasioni con palle-gol limpide e senza responsabilità da parte del portiere avversario.

Negli ultimi minuti, la partita diventa tesa: Siv deve necessariamente segnare 4 gol senza subirne più di 2, e sul 3 – 1 lo spettro dei supplementari si fa concreto di minuto in minuto; in pieno recupero, l’arbitro assegna un calcio di rigore a Siv, dopo un netto fallo di Sessione d’esami, e lo specialista della squadra trasforma la massima punizione, spiazzando completamente il portiere avversario.

Non c’è più tempo per altre azioni, e la partita si conclude sul 4 – 1 per Siv, che riesce così ad agguantare il passaggio del turno senza dover affrontare i supplementari.

Advertisements

Read Full Post »

Tre giorni fa ho dato l’esame di Linguaggi Formali e Compilatori, la parte teorica (speriamo bene!), ed è stato l’ennesimo esame fatto di corsa: due ore e mezzo per fare tutti gli otto esercizi, senza alcuna possibilità di ricontrollare alcunchè, pena l’impossibilità di concludere tutto entro il tempo stabilito.

Ora, questo è stato l’ennesimo corso in cui si decide di far selezione soprattutto sulla velocità, piuttosto che sulla difficoltà degli esercizi (che comunque non erano banali, intendiamoci): ma possibile che non ci sia un modo più umano per selezionare la preparazione degli studenti? Tenendo presente che la stragrande maggioranza di noi informatici (ma di tutti gli studenti in generale, direi) non dovrà mai risolvere un problema informatico in 15 minuti (salvo qualche lavoro estremamente particolare), allora perchè in un esame devo fare così?

Io sinceramente preferisco pensare ad un problema, eseguirlo e poi ricontrollarlo, anche perchè spesso lascio indietro qualche dettaglio; posso, ad esempio, pensare all’esame di elettronica: sono quattro esercizi in tre ore, se sai tutto e molto bene il compito lo concludi in due ore, altrimenti hai comunque un po’ di margine per pensare al da farsi ed arrivare ad una soluzione.

Perchè quindi non puntare ad esercizi magari un po’ più complessi, ma risolvibili in un tempo umano?

Read Full Post »