Feeds:
Posts
Comments

Posts Tagged ‘Kindle’

Screen on Kindle

Since I’m doing some performance/battery duration tests on my rooted Kindle 4NT, I decided I needed the always useful screen application, so that I could execute tests while connected over SSH, then detach the console and let it run for a while, only to re-attach back later to the same console and see what happened, monitor some logs and so on, all the while without interrupting anything. There are other ways to execute stuff in background, but this remains the most practical of all.

Now, I found out that the ncurses library is already installed on the OS, even if it doesn’t seem to be in the sources archive distributed by Amazon; the version 5.4 is sitting right there in /usr/lib; since it is the only external requirement for screen, I copied the library back to my system and directly into the sysroot created by crosstool, so that the linker could find it easily. Then I downloaded the screen sources.

And there the problems started to arise.

First, the fact that you can specify the target/host/build systems in ./configure is not clear at all, or even documented in the help of the script, so you need to improvise and find out by yourself. The configuration does not work by specifying CC/CFLAGS/LDFLAGS, or at least I could not make it work, the only correct way is to use the –host option.

The second problem was, of course, the neverending source of surprises that is the triptych of commands produced by the autoconf stuff: it sucks beyond belief, and in particular in this case it does not work at all for cross-compilation: there are some tests that cannot be executed, the script tells you that, and then simply stops. So you need to apply a well known patch (for example, I have used this one), which allows the script to output the makefiles regardless of those tests. Then, of course, is not over: the failed tests do not produce the correct options in config.h, so my advice is to execute (separately) a configuration for your own computer, then use the config.h generated for the computer for the Kindle sources too: it will compile fine, and the final binary works without problems on the Kindle.

Advertisements

Read Full Post »

In this previous post I’ve already described how to develop the toolchain for the Kindle, from that it was easy to recompile ELIoT: I was able to maintain the computer version of the VM without modifications (in Android some patches were necessary to accomodate it to the OS), and the standard ping utility worked again; no screenshots, since the execution was performed from SSH, and I will avoid to add the console output (it is basically the same of the previous post, with a couple of debugging lines that my VM has).

Now I’m thinking about outputting something on the screen: on Android the SL4A framework gives Erlang (and thus ELIoT) the ability of writing standard layouts and stuff on screen; on the Kindle you can choose between using their J2ME VM and their Java applet framework (called Kindlet), or the GTK+ on DirectFB from C; I have not explored any of those alternatives, so I have nothing more to say here (yet).

We’ll see…

Read Full Post »

In the last couple of weeks, I decided it was time to port my Erlang framework, ELIoT, that I develop as part of my Ph.D. thesis, to several other devices than the ones on which I already ported it (the Raspberry Pi and the Carambola). So last week I ported it to Android, and while I still have to refine it so that it can be executed on non-rooted devices (i.e., you don’t need to be root to do it), I decided to give the Kindle a try. This first post describes my findings in exploring the device itself, in a later post I will talk about ELIoT itself.

I have a Kindle 4th generation non-touch, and this “non-touch” adjective is quite important, since it changes the operating system version (and probably the toolchains/hacks). The first step is to jailbreak it (beware of the consequences! this may at best break your warranty, at worse brick the device!), using the main guides it is quite easy and (seems) with little risks, from the point of view of losing all your settings and books; at the end of the procedure, you can access it through WiFi and SSH.

Given the fact that my main objective was to cross-compile stuff, I started trying to figure out how to obtain the toolchain, and the answer is, as usual, crosstool-ng. Given the fact that the Kindle runs Linux, the non-proprietary part of the OS (i.e., everything except their ebook applications) is open source and they allow us to download the source code; in this way, we know that the 4th gen runs the 2.6.31 kernel and 2.12 libc, so I started to specify those in the ct-ng configuration; for binutils I decided for the latest stable release available, and in my first try I compiled gcc 4.7 Linaro edition.

Some guides on the Web seemed to say that the floating point type was softfp, but since there was so little clue about the toolchains for this particular Kindle, I decided to give the hardfp a try. It didn’t work out, as expected, but it led to an interesting side note: if you want to know what kind of fp a distribution is, you can execute

readelf -A

on an existing binary (I tried on the wpa_supplicant binary): if it contains the line

Tag_ABI_VFP_args: VFP registers

then it means it is hardfp; otherwise it is softfp (I checked against a binary for the Raspberry Pi, which I know is the former).

So, I recompiled the toolchain with softfp and tried the usual hello world: it worked! But the joy was limited: on a more complex application some assembly errors emerged, and at this point I thought the reasons could be

  1. I was using the 2.6.31.14 vanilla as kernel, but I didn’t know the subsubsubversion of the Kindle kernel and it may have been different
  2. maybe 4.7 was a too much advanced version of gcc to use.

So I changed the ct-ng configuration again and used the existing kernel sources downloaded from Amazon for my specific Kindle version, and changed the gcc version to 4.5.4, since /proc/version says:

Linux version 2.6.31-rt11-lab126 (jenkins-official@lucid-build02) (gcc version 4.5.3 20110406 (prerelease) (Linaro GCC 4.5-2011.04-0) ) #5 Sat Jan 12 20:39:09 PST 2013

this worked and I was able to compile and execute Erlang on the Kindle! Unfortunately, no screenshots here: access was from SSH, so all I can show you is:

[root@kindle erlangarm]# ./bin/erl -name erlang@192.168.1.3 -setcookie abc
Eshell V5.9.3.1 (abort with ^G)
(erlang@192.168.1.3)1> net_adm:ping(‘erlang@192.168.1.178’).
pong

copied directly from the terminal.

The final version of the ct-ng configuration is here, if anyone wants it; you have to adjust paths for the output directory and the kernel sources path (that you have to download from Amazon).

Read Full Post »

Kindle & slides

Slides on Kindle

Slides on Kindle

Non avevo mai provato a visualizzare slides sul Kindle, e devo ammettere che il risultato non è affatto malvagio.

Se si tratta di leggere un articolo in pdf, infatti, il dispositivo è assolutamente inadatto, richiedendo continui zoom e spostamenti con un refresh dello schermo piuttosto lento (adatto se state sfogliando un libro, ma solo in quel caso); con un pdf di slides, invece, in modalità landscape è piuttosto comodo, almeno con un paio di presentazioni che sto seguendo in questi giorni (ed un esempio è quello mostrato nello screenshot qui sopra). Potrebbe non essere eccezionale con presentazioni molto fitte di testo, formule et al. (e bisogna ricordarsi che il tutto è in bianco e nero), ma se qualcuno è interessato a seguire una lezione o a studiare su un set di slides (idea discutibile, ma questa è un’altra storia), senza dover avere un computer sempre acceso (e senza avere un tablet), allora direi che il Kindle potrebbe essere abbastanza adatto.

Read Full Post »

Kindle 3.1

Kindle 3.1

Sono ormai trascorsi sei mesi da quando ho pubblicato l’annuncio dell’intenzione di passare al formato digitale per audio e libri, soprattutto grazie alla spinta data dall’acquisto del Kindle 3, l’ultima generazione del popolare e famoso lettore di eBook di Amazon; dato il basso prezzo di quest’ultimo, nella sua versione a 6 pollici, avevo deciso di tuffarmi in questa avventura, ed ora posso dare un primo giudizio.

Audio

Innanzitutto, una breve parentesi sul discorso audio: ad oggi non ho smesso di comprare CD, ma devo dire che gran parte della musica che ho acquistato tra dicembre ed oggi (ed è stata parecchia, credetemi), l’ho acquistata in formato digitale; essendo un utilizzatore Linux, sono tagliato fuori dal mondo iTunes (inserire imprecazione qui), di conseguenza mi rimane pochetto; la scoperta tuttavia di 7digital ha dato decisamente una spinta in questa direzione, e di conseguenza un buon 70% della musica acqusitata non ha un supporto concreto collegato. Perciò, da questo punto di vista sono soddisfatto.

Kindle

Iniziamo la parentesi sui libri partendo da un giudizio sul Kindle: per la lettura di narrativa e saggistica, direi che è assolutamente ottimo, e per quanto in quest’ultimo periodo stia leggendo (in generale) di meno, possi dirvi che mi sono sparato notevoli “mattoni” (ed uno di questi è riprodotto nell’immagine qui sopra), e quindi il dispositivo è stato decisamente testato e rodato a fondo.

Per darvi un’idea di quanto lo schermo sia realistico, posso farvi l’esempio seguente: a volte capita, sui libri cartacei, che si riesca ad intravedere la pagina successiva attraverso quella che state leggendo, ad esempio perchè è presente una figura; ebbene, leggendo un saggio sul Kindle, che conteneva diverse figure, quando nella pagina corrente appariva uno spazio bianco nella parte bassa, in genere indice che la pagina successiva avrebbe contenuto una figura, mi sono sopreso più volte a cercare di intravedere detta immagine attraverso la pagina, cosa ovviamente impossibile. La pagina quindi appare veramente realistica. Giudizio: ottimo.

Per quanto riguarda i libri scientifici, in particolare di programmazione, il giudizio si abbassa lievemente, ma in questo caso il problema è dovuto più alla qualità del libro in formato digitale, piuttosto che del device in sè (vedi la sezione successiva).

Il capitolo PDF invece è decisamente da bocciare: se avete testo semplice, una conversione tramite Calibre (o altro programma analogo) vi permette di ottenere una versione in formato nativo, che probabilmente vi romperà la compatibilità dei titoli ma che se non altro mantiene il testo piuttosto leggibile; se invece volete leggere direttamente il PDF, bè lasciate perdere: si tratterebbe di fare continuamente zoom avanti e indietro, e se state leggendo una rivista è decisamente scomodo muoversi lungo le colonne con i cursori (oltre al fatto che spendete un sacco di batteria, dato che il Kindle consuma solamente quando fa refresh dello schermo, ed io sono particolarmente maniaco del risparmio energetico).

Non ho provato invece il browser, che tuttavia dovrebbe funzionare abbastanza bene dato che (se non erro) è basato su Webkit. Sto invece aspettando che Amazon rilasci ufficialmente il KDK, che potrebbe permettere di avere qualche applicazione in più sul dispositivo (ad esempio, io desidero ardentemente un server SSH ed un client Dropbox, e questo senza dover effettuare jailbreak (illegale!)).

La grossa nota dolente, a mio parere, è il mancato supporto al formato ePub: francamente da un punto di vista di utenza è veramente una stupidaggine, dato che si tratta di un formato standard per la riproduzione digitale di libri, e per quanto i vari tool informatici permettano la conversione verso il formato proprio di Amazon, se l’ePub è distribuito con alcuni particolari DRM (Adobe DRM), è necessario rompere tale protezione per eseguire la conversione. Ora, io sono e resto del parere che se compro un prodotto posso convertirmelo in qualunque formato io voglia, per usufruirne al meglio(vedi quando iTunes distribuiva in MP4 criptati), resta il fatto che da un punto di vista strettamente legale è una pratica che viola la licenza con cui si è acquistato tale prodotto.

Libri

Il capitolo libri è decisamente più complesso: se vi va di leggere in inglese, Amazon naturalmente è la risorsa primaria, in genere offre prezzi competitivi e di costo inferiore alla versione cartacea. Diverse case editrici di materiale informatico offrono la possibilità di acquistare in formato nativo per il Kindle, anche se in questo caso non sempre la leggibilità dei prodotti è adeguata, probabilmente dipende dal tempo speso ad eseguire la conversione adeguatamente.

Per quanto riguarda i libri in italiano, ecco la nota dolente: stanno nascendo in questi mesi diverse librerie digitali “nostrane”, ma quasi mai queste offrono prodotti in formato Kindle, in genere utilizzano il formato ePub, spesso con l’Adobe DRM, con tutti i problemi del caso (vedi la sezione precedente). L’apertura di Amazon Italia può essere d’aiuto in questo, perciò attendo fiducioso…

Conclusioni

Il passaggio al digitale è di conseguenza riuscito diciamo attorno ad un 50%: se per la musica infatti mi sto avviando a percentuali decisamente più alte, da un punto di vista di libri sono ancora abbastanza basso, soprattutto per quanto riguarda la letteratura locale (ed i regali, che continuano ad essere “concreti”). Vedremo tra qualche mese quale sarà il trend…

Read Full Post »