Feeds:
Posts
Comments

Posts Tagged ‘VirtualBox’

VirtualBox, 4 istanze

VirtualBox, 4 istanze

Screenshot spettacolare, fresco fresco di giornata…

Quattro istanze di VirtualBox stanno girando contemporaneamente con distribuzioni Debian (minimali, meno di 1 GB di spazio occupato in macchine con 64 MB di RAM), e formano una rete locale con il PC principale; il tutto sta facendo funzionare l’applicativo Erlang che ho sviluppato per la tesi, cui dedicher√≤ un post prossimamente.

Era una bella immagine da prendere ūüôā

Read Full Post »

Mi sembra giusto pubblicare uno pseudo-mini howto su come configurare VirtualBox affinchè si crei una rete interna tra le macchine virtuali, e contemporaneamente tale rete sia raggiungibile dal sistema host esterno (e solo da lui); tutti i test sono stati effettuati con la versione 3.1.6 su Ubuntu 9.10 (sia guest che host).

Dopo una discussione avuta qualche giorno fa con Sante e Massimo riguardo l’esistenza di questa possibilit√†, che io personalmente non avevo trovato, ho deciso di esplorare a fondo la questione. La mia necessit√†, per un lavoro che sto facendo per la tesi, √® quella di avere un tot di macchine virtuali connesse tra loro, e che a loro volta siano in rete locale con la macchina host; l’unica possibilit√† che conoscevo io per fare questo era di utilizzare la cosiddetta “scheda con bridge”, la quale tuttavia richiede che l’interfaccia di rete host sia attiva (ovviamente, qualcuno potrebbe dire): soluzione impraticabile se sto creando questa rete locale solo col mio computer, senza un router esterno.

L’opzione giusta da scegliere √® “scheda solo host”, su tutte le macchine virtuali: a quel punto, appena avvierete la prima macchina, l’interfaccia vboxnet0, presente nel sistema host, verr√† attivata con un IP del tipo 192.168.56.1, di fatto facendo capire che la rete locale che stiamo per creare √® sulla sottorete 56.

Dopo aver effettivamente verificato della possibilità di assegnare un altro IP (ad esempio 56.2) ad una macchina virtuale, e che il ping rispondeva correttamente, ho aggiunto un altro tassello: è possibile infatti installare il pacchetto dhcp3-server, che altri non è che il famigerato server DHCP, nel sistema host; una configurazione banale come la seguente (/etc/dhcp3/dhcpd.conf):

default-lease-time 600;
max-lease-time 7200;
log-facility local7;
subnet 192.168.56.0 netmask 255.255.255.0 {
range 192.168.56.2 192.168.56.254;
}

fa s√¨ che tale server assegni indirizzi da 2 a 254 sulla sottorete di cui sopra; un’altra semplice modifica a /etc/default/dhcp3-server per aggiungere la riga

INTERFACES="vboxnet0"

che indica su quale interfaccia restare in ascolto, quindi via anche al server tramite /etc/init.d/dhcp3-server start ed il gioco è fatto!

P.S.: verificate, prima di avviare il demone, che vboxnet0 sia attiva; in caso contrario, avviate la macchina virtuale con cui volete creare la rete, e l’interfaccia si attiver√† automaticamente.

Read Full Post »